Tastes

Filter
Sort
  1. The Macallan Double Cask 12 Year

    Single Malt — Highland, Scotland

    Tasted
    3.5
    3.5 out of 5 stars
    And here the comparison with the Macallan 12yo Double Cask, which I tried “at the same time”, and also with the Sherry Cask 12yo which should in theory be the most prized, takes place. So I write only review for the Triple and Double, with last comparison with the Sherry. On the nose the Triple Cask is strong seasoned wood, with a very pleasant hint of Sherry. Immediately the idea of having a light and pleasant whisky, but of high quality. Double Cask has a much stronger Sherry note, I’d say equal to Sherry Cask. Here the wood is less noticeable. On the palate, the Triple is fresh and fruity, very delicate. Reminiscent of a fresh fruit salad poached in bourbon and sherry, with the addition of lemon and ginger. The Double is a disappointment: bitter, very woody, too woody, with sherry dominating. Fresh finish for the Triple (I must say very summery, a bottle at the seaside home will never be missing!) And short, tto short, and inconsistent for the Double. The Triple Cask therefore clearly wins the comparison, I would say a 4.25 against 3.50. I had given the Sherry Cask 12yo a 4.25. The Sherry Cask gives a greater impression of quality and attention to the product than the Triple, but in the end the 2 are equal in terms of pleasure. If I really have to find a winner, considering the price, the Triple wins! ____________________________________________________________________________________ E qui per forza scatta il confronto con il Macallan 12yo Double Cask, che ho provato “in contemporanea”, ed anche con lo Sherry Cask 12yo che dovrebbe in teoria essere il più pregiato. Scrivo quindi unica recensione per il Triple e Double, con ultimo confronto con lo Sherry. Al naso il Triple Cask è forte di legno stagionato, con una punta di Sherry molto piacevole. Da subito l’idea di essere un whisky leggero e piacevole, ma di alta qualità. Il Double Cask ha una nota di Sherry molto più forte, pari allo Sherry Cask. Qui si avverte meno il legno. Al palato, il Triple è fresco e fruttato, molto delicato. Ricorda una macedonia di frutta fresca affogata nel bourbon e nello sherry, con aggiunta di limone e zenzero. Il Double è una delusione: amarognolo, molto legnoso, troppo legnoso, con lo sherry che predomina. Finale fresco per il Triple (devo dire molto estivo, una bottiglia al mare non mancherà mai!) e breve, inconsistente e brevissimo per il Double. Vince quindi nettamente il confronto il Triple Cask, direi un 4,25 contro 3,50. Avevo dato allo Sherry Cask 12yo un 4,25. Lo Sherry Cask da una impressione di qualità ed attenzione del prodotto maggiore rispetto al Triple, ma alla fine come piacevolezza i 2 si equivalgono. Se proprio devo trovare un vincitore, considerando il prezzo, il Triple vince!
    58.4 EUR per Bottle
  2. The Macallan Triple Cask Matured 12 Year

    Single Malt — Highlands, Scotland

    Tasted
    4.25
    4.25 out of 5 stars
    And here the comparison with the Macallan 12yo Double Cask, which I tried “at the same time”, and also with the Sherry Cask 12yo which should in theory be the most prized, takes place. So I write only review for the Triple and Double, with last comparison with the Sherry. On the nose the Triple Cask is strong seasoned wood, with a very pleasant hint of Sherry. Immediately the idea of having a light and pleasant whisky, but of high quality. Double Cask has a much stronger Sherry note, I’d say equal to Sherry Cask. Here the wood is less noticeable. On the palate, the Triple is fresh and fruity, very delicate. Reminiscent of a fresh fruit salad poached in bourbon and sherry, with the addition of lemon and ginger. The Double is a disappointment: bitter, very woody, too woody, with sherry dominating. Fresh finish for the Triple (I must say very summery, a bottle at the seaside home will never be missing!) And short, tto short, and inconsistent for the Double. The Triple Cask therefore clearly wins the comparison, I would say a 4.25 against 3.50. I had given the Sherry Cask 12yo a 4.25. The Sherry Cask gives a greater impression of quality and attention to the product than the Triple, but in the end the 2 are equal in terms of pleasure. If I really have to find a winner, considering the price, the Triple wins! ____________________________________________________________________________________ E qui per forza scatta il confronto con il Macallan 12yo Double Cask, che ho provato “in contemporanea”, ed anche con lo Sherry Cask 12yo che dovrebbe in teoria essere il più pregiato. Scrivo quindi unica recensione per il Triple e Double, con ultimo confronto con lo Sherry. Al naso il Triple Cask è forte di legno stagionato, con una punta di Sherry molto piacevole. Da subito l’idea di essere un whisky leggero e piacevole, ma di alta qualità. Il Double Cask ha una nota di Sherry molto più forte, pari allo Sherry Cask. Qui si avverte meno il legno. Al palato, il Triple è fresco e fruttato, molto delicato. Ricorda una macedonia di frutta fresca affogata nel bourbon e nello sherry, con aggiunta di limone e zenzero. Il Double è una delusione: amarognolo, molto legnoso, troppo legnoso, con lo sherry che predomina. Finale fresco per il Triple (devo dire molto estivo, una bottiglia al mare non mancherà mai!) e breve, inconsistente e brevissimo per il Double. Vince quindi nettamente il confronto il Triple Cask, direi un 4,25 contro 3,50. Avevo dato allo Sherry Cask 12yo un 4,25. Lo Sherry Cask da una impressione di qualità ed attenzione del prodotto maggiore rispetto al Triple, ma alla fine come piacevolezza i 2 si equivalgono. Se proprio devo trovare un vincitore, considerando il prezzo, il Triple vince!
    65.0 EUR per Bottle
  3. Ballantine's 21 Year

    Blended — Scotland

    Tasted
    3.75
    3.75 out of 5 stars
    The comparison with the 17 yo, which is the reference, is inevitable. Faint on the nose: there is a lot of alcohol, but also caramel. Licorice predominates. Always caramel on the palate, more oily than the 17 yo, but I would also say more "ordinary", less complex. I always feel a predominance of licorice. Sherry and burnt smoke, which I hadn't warned in 17 yo. More sweet. Sweet but bitter finish at the same time. Compared to 17, a completely different whisky, less fresh (in my opinion this is one of the winning characteristics of 17, which makes it a good whisky for any occasion) but decidedly more full-bodied. If I must say, however, even less good…. In any case, a good quality product. Score: 3,80 ___________________________________________________________ Inevitabile il confronto con il 17 yo, che fa da riferimento. Deboluccio al naso: si sente molto l’alcool, ma anche il caramello. Predomina la liquerizia. Al palato sempre caramello, più oleoso rispetto al 17 yo, ma direi anche più “ordinario”, meno complesso. Sento sempre una predominanza di liquerizia. Sherry e fumo bruciato, che non avevo avvertito nel 17 yo. Più dolciastro. Finale amarognolo e dolce. Finale dolce ma amarognolo allo stesso tempo. Rispetto al 17 un whisky completamente diverso, meno fresco (questa è secondo me una delle caratteristiche vincenti del 17, che ne fa un whisky buono per qualunque occasione) è decisamente più corposo. Se devo dire, però, anche meno buono…. In ogni caso, un prodotto di qualità. Voto 3,80
    80.3 EUR per Bottle
  4. Bushmills 21 Year Single Malt

    Single Malt — Northern Ireland

    Tasted
    5.0
    5.0 out of 5 stars
    As soon as I pour this whiskey in the glass, a thought of green valleys crossed by streams pervades me, the smell has been so fresh! Almonds, dates, coffee and milk. On the palate it is pure velvet: it reminds me of Johnnie Walker's Blue Label as a concept. Hazelnuts, licorice, citrus fruits, with the slight bitterness of chinotto (I don’t know the word in english for this….). And more honey and sultanas. Spicy licorice finish, always velvety even if not very long. Masterpiece. __________________________________________________________________________ Appena verso questo whiskey nel bicchiere, mi pervade un pensiero di verdi vallate attraversate da ruscelli, da tanto è fresco l’odore! Mandorle, datteri, caffelatte. Al palato è puro velluto: mi ricorda come concetto il Blue Label della Johnnie Walker da tanto è delicato. Nocciole, liquerizia, agrumi, con il leggero amarognolo del chinotto. E ancora miele e uva sultanina. Finale piccante alla liquirizia, sempre vellutato anche se non molto lungo. Capolavoro.
    135.0 EUR per Bottle
  5. Ballantine's 17 Year

    Blended — Scotland

    Tasted
    4.25
    4.25 out of 5 stars
    “Fresh and light” whisky, which is really good on any occasion, even for dining instead of wine! On the nose I feel a fruit salad and strong vanilla. On the palate vanilla, creme brulé, figs, even marzipan. Oily whiskey, which leaves a pleasant spicy touch on the tongue. Citrus finish, slightly bitter, very balanced. An excellent whiskey, but which I personally did not find phenomenal like the great Jim Murray, who has a real passion for this product! De gustobus! _______________________________________________________________________________ Whisky “fresco e leggero”, che va bene davvero in ogni occasione, anche per pasteggiare al posto del vino! Al naso sento una macedonia di frutta e forte vaniglia. Al palato vaniglia, creme brulé, fichi, anche marzapane. Whisky oleoso, che lascia una piacevole punta piccante sulla lingua. Finale agli agrumi, leggermente amarognolo, molto bilanciato. Un whisky ottimo, ma che personalmente non ho trovato fenomenale come invece il sommo Jim Murray, che ha una vera passione per questo prodotto! De gustibus!
    68.5 EUR per Bottle
  6. Johnnie Walker Blue Label Ghost and Rare Glenury Royal

    Blended — Scotland

    Tasted
    3.0
    3.0 out of 5 stars
    Can I call this whisky a “huge disappointment”? The biggest possible disappointment? I have the Blue Label as a point of arrival, the Blue Label Ghost & Rare Port Ellen slightly below but always excellent, here instead we are on another planet. In negative. A whisky that I would define inconsistent on the nose: it seems to smell fresh air, without particular character, even here the Black Label or the Green wins, which cost more or less 1/10! On the palate a further disappointment: it seems to me to drink a corked wine, with a bitter aftertaste and no signs of smoke, which in the classic Blue Label is an exceptional characteristic. Medium-lasting, spicy and hot finish, not unforgettable. Whisky that absolutely lacks character, with a very cheap flavor. I am an huge JW Blue Label fan, but here the rating is very bad also considering the exorbitant price. _______________________________________________________________________ Posso definire questo whisky una “grandissima delusione”? La più grande delusione possibile? Ho il Blue Label come punto di arrivo, il Blue Label Ghost & Rare Port Ellen leggermente sotto ma sempre eccellente, qui invece siamo su un altro pianeta in negativo. Un whisky che al naso definirei inconsistente: sembra di annusare aria fresca, senza particolare carattere, addirittura qui vince il Black Label o il Green, che costano più o meno 1/10! Al palato una delusione ulteriore: mi sembra di bere un vino “tappato”, con un retrogusto amarognolo e nessun segno di fumo, che nel Blue Label classico è una caratteristica eccezionale. Finale di media durata, piccante e speziato, non indimenticabile. Whisky che manca assolutamente di carattere, dal sapore molto cheap. Il voto è pessimo in considerazione del prezzo esorbitante.
    255.0 EUR per Bottle
  7. The Glenlivet 25 Year

    Single Malt — Speyside, Scotland

    Tasted
    5.0
    5.0 out of 5 stars
    This whisky is proof that when the great producers, meaning those with over 10 million liters per year (Glenlivet, Macallan, Glenfiddich) do things really well, the result is exceptional. XXV is a sensual whisky, perhaps too perfect in its balance and therefore a little "monotonous", but of fantastic quality and pleasure. Grandma's cake prevails on the nose, with custard, very sweet and fragrant. On the palate always custard, with candied fruit, orange marmalade, fruit in alcohol. Long sherry finish, which stands out enough from what is felt on the palate. Really a great dram. ______________________________________________________________________ Questo whisky è la dimostrazione che quando i grandi produttori, intendendo quelli da oltre 10 milioni di litri all’anno (Glenlivet, Macallan, Glenfiddich) fanno le cose davvero per bene, il risultato è eccezionale. Il XXV è un whisky sensuale, forse fin troppo perfetto nel suo bilanciamento e quindi un po’ “monotono”, ma di qualità e piacere fantastici. Al naso prevale torta della nonna, con crema pasticcera, molto dolce e fragrante. Al palato sempre crema pasticcera, con frutta candita, marmellata di arance, frutta sotto spirito. Finale lungo allo sherry, che si distacca abbastanza da quanto sentito al palato. Veramente una grande bevuta.
    199.0 EUR per Bottle
  8. Dewar’s PX Finish 30 year old

    Blended — Scotland

    Tasted
    5.0
    5.0 out of 5 stars
    Undoubtedly an important whisky, from all points of view and starting from the wonderful bottle and case. Once the heavy metal-coated cap is opened, the nose has notes of dried fruit and dehydrated berries, but also pears and a slight brackish. The palate is a triumph! The texture is thick, almost as if you were eating a cake rather than drinking a whisky: fig jam, coffee, milk chocolate, walnut and almond cake, all with a very powerful sherry undertone. Majestic finish of sherry, with chocolate, nutella, amaretto. Pure poetry, not a discordant note in the aromas that are mixed in this masterpiece. Perfect. ___________________________________________________________________________________ Whisky indubbiamente importante, sotto tutti i punti di vista ed a partire dai meravigliosi bottiglia ed astuccio. Aperto il pesantissimo tappo rivestito in metallo, l’olfatto presenta note di frutta secca e di frutti di bosco disidratati, ma anche di pere ed un leggero salmastro. Il palato è un trionfo! La consistenza è densa, quasi si stesse mangiando una torta più che bevendo un whisky: marmellata di fichi, caffè, cioccolato al latte, torta di noci e mandorle, tutto con un sottofondo di sherry molto potente. Finale maestoso di sherry, con cioccolato, nutella, amaretto. Pura poesia, non una nota stonata negli aromi che si mescolano in questo capolavoro. Perfetto.
    330.0 EUR per Bottle
  9. Johnnie Walker Blue Label Ghost and Rare Port Ellen

    Peated Blend — Scotland

    Tasted
    4.75
    4.75 out of 5 stars
    By now I am taken by the Johnnie Walker Blue Label, in all its manifestations…. Compared to a Single Malt it is certainly an “easier” whisky to drink, perhaps with less character, but certainly just as delicious. Ghost and Rare Port Ellen version: the feeling I get in drinking a whisky that is partly made up of distilleries that no longer exist is the same of eating (never tried by the way!) an endangered animal! I think I'm committing a sin, but deep down…. The nose reminds me a little of a high-profile Jack Daniels, like the 27 Gold, little bit artificial. You can smell the grain, the smell gives me the idea of boundless spaces and opens my mind. On the palate, the first sip disappoints because it seems to have little consistency, but then the fresh flavor, which does not resemble the classic Blue Label, with great complexity, hot and spicy, I would have also expected peaty and smoky, but it isn't: they are characteristic just hint. Spicy, long and sweet finish, which confirms the positivity of smell and palate. I would drink it by the liter, were it not for the very high price. But if I really have to say, the classic Blue Label remains unattainable for me .... However always at the top. ______________________________________________________________________________ Ormai sono preso dal Johnnie Walker Blue Label, in tutte le sue manifestazioni…. Rispetto ad un Single Malt è sicuramente un whisky più “facile” da bere, magari con meno carattere, ma sicuramente altrettanto delizioso. Versione Ghost and Rare Port Ellen: la sensazione che ho nel bere un whisky che in parte è composto di distillerie non più esistenti è quella di mangiare un animale in via di estinzione! Mi pare di commettere un peccato, ma sotto sotto…. Al naso mi ricorda un po’ un Jack Daniels di alto profilo, tipo il 27 Gold. Il grain si sente, l’odore mi da l’idea di spazi sconfinati e mi apre la mente. Al palato, il primo sorso delude perché sembra avere poca consistenza, ma poi il sapore fresco, che non assomiglia al Blue Label classico, con grande complessità, piccante, speziato, mi sarei aspettato anche torbato e fumoso, ma non è così: sono caratteristiche solo accennate. Finale piccante, lungo e dolce, che mi conferma la positività dell’olfatto e del palato. Ne berrei a litri, non fosse per il prezzo altissimo. Se però proprio devo dire, il Blue Label classico rimane per me inarrivabile.... Comunque sempre al top.
    290.0 EUR per Bottle
  10. Johnnie Walker Green Label 15 Year

    Peated Blended Malt — Scotland

    Tasted
    3.5
    3.5 out of 5 stars
    My first excursion in the vatted malts .... The light nose reminds me of a wet meadow, with light smoke and toasted hazelnuts. Not particularly dense and full-bodied on the palate, it seems to have less than 43°. Spicy and slightly smoky, salty, it reminds me a lot of Talisker 10 yo, and in fact Talisker is present in the blend. On the other hand, I do not notice any notes of peat, which instead should come from Caol Ila. Short and slightly bitter finish, which does not satisfy 100%. Not worth the price paid, for example the Black Label, which costs about half, is worth the Green Label in terms of satisfaction. Just one more note, which may sound blasphemy for purists: since there's only one cocktail made with whiskey that I really like, and that's whisky, ginger ale, soda and sprig of rosemary, this Green Label is exceptional in the mix! Seeing is believing. ____________________________________________________________________________ Mia prima escursione nei vatted malts.... Al naso leggero, mi ricorda un prato bagnato, con leggero fumo e nocciole tostate. Al palato non particolarmente denso e corposo, sembre avere meno dei suoi 43°. Piccante e leggermente fumoso, salino, mi ricorda molto il Talisker 10 yo, ed infatti Talisker è presente nel blend. Non avverto invece note di torba, che invece dovrebbero arrivare dal Caol Ila. Finale breve e un po' amarognolo, che non soddisfa al 100%. Non vale il prezzo pagato, ad esempio il Black Label, che costa circa la metà, vale il Green Label in quanto a soddisfazione. Solo una nota aggiuntiva, che magari suonerà blasfemia per i puristi: dato che c'è un solo cocktail fatto con il whisky che mi piaccia davvero, ed è whisky, ginger ale, soda e rametto di rosmarino, questo Green Label è eccezionale nel mix! Provare per credere.
    44.0 EUR per Bottle
Results 1-10 of 62 Tastes